+39 333 5734367 info@fisiocure.it

Elettroterapie
Le elettroterapie e le stimolazioni elettriche transcutanee (TENS) rappresentano tecniche non invasive discretamente efficaci, lo stimolo elettrico si applica direttamente lungo il decorso del nervo, ottenendo una diminuzione degli impulsi dolorifici. Possono essere ben impiegate in associazione alla massoterapia e alla farmacoterapia.
L’ottenimento di una buona risposta iniziale è frequente, e, in una discreta percentuale dei casi, il sollievo si mantiene nel tempo. I risultati migliori, sono ottenuti nelle sindromi miofasciali, nelle lombalgie artrosiche non inveterate, nelle mialgie lombari funzionali.
E’ controindicata nei portatori di pacemaker.

Elettrostimolazione Muscolare di Rilassamento (EMR)
La stimolazione agisce come un vero e proprio massaggio elettrico. Questa tecnica si basa sull’effetto di particolari onde elettriche che agiscono sul muscolo, rilasciando le zone muscolari contratte. La terapia, assolutamente non dolorosa, è effettuata applicando sulla pelle delle placche di gomma conduttrice e, attraverso il ritmico alternarsi di contrazione e rilasciamento dei muscoli contratti. Il beneficio si ha sopratutto nelle cervicalgie e cervicobrachialgie, ed il risultato si mantiene nel tempo, poiché viene interrotta la catena: contrattura muscolare – dolore – contrattura muscolare.

Elettrostimolazione Muscolare di Potenziamento (EMP)
Indicata sopratutto per coloro che non possono o non vogliono eseguire i ripetitivi esercizi di ginnastica per rinforzare la muscolatura, è un valido complemento, in abbinamento alla massoterapia, per combattere la cellulite. Si tratta di una tecnica di potenziamento muscolare originariamente pensata per gli allenamenti degli sportivi: una ginnastica passiva di tipo intensivo, che viene eseguita mentre il soggetto rimane sdraiato su un lettino. La ripetizione di queste contrazioni elettriche permette di ottenere con 12-15 sedute un potenziamento muscolare pari a quello di mesi di esercizi in palestra. Questo trattamento è particolarmente indicato anche per coloro che soffrono d’osteoporosi, di ernie del disco o d’artrosi, e altre situazioni in cui l’esecuzione della ginnastica tradizionale è difficoltosa o addirittura controproducente.

Ultrasuoni
Sono delle vibrazioni sonore a frequenza così elevata da non essere percepibili dall’orecchio umano. Hanno varie intensità di emissione regolabili secondo la profondità delle articolazioni o fasce muscolari da raggiungere. Si applicano attraverso una testina da porre sulla cute. L’effetto terapeutico principale è di produrre calore in profondità, in modo che sulla parte interessata arrivino più sangue e dunque più fattori antinfiammatori, migliorandone il deflusso di tossine.

Laser
Nella cura del mal di schiena e dell’artrosi, è impiegato un laser non chirurgico, viene applicato in vari punti cutanei, variandone l’intensità secondo la profondità da raggiungere. Di solito si usa il laser in quei tipi di mal di schiena causati da discopatie o protrusioni discali (non nelle ernie del disco). L’effetto principale del laser è di tipo antinfiammatorio e antidolorifico e in molti casi può essere utilizzato anche in zone corporee distanti da quella colpita.

Radar terapia
Vi sono apparecchi che utilizzano correnti alternate a frequenze molto elevate con gran capacità di penetrazione nei tessuti del corpo dove inducono un intenso effetto calorico. La radar terapia, è una fra le più utilizzate, caratterizzata da frequenze ancora più elevate, si avvale di diffusori con diversa forma in relazione alle parti da trattare.

Infrarosso
Le applicazioni locali di calore, sviluppate tramite infrarosso, possono essere ugualmente utili, essendo particolarmente graditi e richiesti dai pazienti, poiché, in caso di patologie non gravi, ed in abbinamento alla massoterapia, danno una veloce attenuazione della sintomatologia.